Anima e sangue, un giallo medievale / Italian Reclame, a medioeval detective story

Diciamo che anche la copertina promette bene :D

State cercando un nuovo romanzo giallo ambientato nel medioevo?
Allora questa settimana il mio consiglio è dedicato a voi. Infatti, se amate il genere non potete perdervi Anima e Sangue di Francesco Grimandi, alla seconda fatica novellistica.
Vi ricordate di Francesco? É stato lui ad avermi raccontato dell’ultima glaciazione del 1709, proprio quando fuori c’era un freddo cane e cercavo qualcosa per sentire meno freddo!

Qualcuno, leggendo di un nuovo giallo medievale, potrebbe pensare: “Un altro giallo storico? E perché questo dovrebbe essere diverso dagli altri?”
Beh, perché questo É diverso dagli altri, già dal modo in cui è stato pensato e costruito. La sinossi scritta da Francesco già ce lo preannuncia:

Bologna, autunno 1325. Una serie di efferati omicidi, un dilemma che inchioda chi è chiamato a investigare, un mistero non facile da risolvere. In una città al culmine del suo periodo d’oro, in scontro perenne con Modena, eterna rivale, conflitti e tensioni si delineano sullo sfondo del confronto personale tra l’assassino e Jacopo Lamberti, uomo di giustizia dai molti dubbi. In un duello a distanza, contro tutto e tutti, Jacopo dovrà scoprire chi si cela dietro l’indecifrabile omicida che colpisce di notte e infierisce sulle sue vittime senza motivo apparente…”

Non è intrigante? E come accennavo, è anche un romanzo inusuale, perché l’impianto narrativo si basa non tanto sulla caccia all’assassino, ma proprio sul conflitto psicologico innescato dall’assassino stesso. E sullo sfondo, una Bologna che non si studia nei libri di scuola.

Jacopo Lamberti è un detective particolare che vive in una città particolare. Affronterà un caso davvero tosto che metterà a dura prova la sua mente, il suo cuore e il suo spirito. Una sfida che non potrà rifiutare, perché la posta in gioco è troppo alta. Non si tratta solo di giustizia, ma di vita o di morte.

Ho chiesto a Francesco solo due cose: la prima riguarda il titolo. Perché Anima e Sangue? Mi ha risposto: “Perché il romanzo vive, pulsa, appassiona. Oltre al sangue ha una sua anima.”
La seconda domanda, invece, riguarda la lunghezza della storia, che fa contare (solo) 118 pagine sul libro. E non mi poteva dire cosa più intelligente, su cui tra l’altro mi trova particolarmente d’accordo: “Sulla quantità di pagine, se posso, vorrei sbrigarmela con una battuta. Non era l’antico proverbio a dire: il vino buono sta nella botte piccola? Leggete questo romanzo e lo scoprirete!”

Qualche nota su Francesco: nato a Modena, lavora a Bologna. Ama la storia, la tecnologia e le arti marziali – come la “casalinga ninja” che mi ha scritto riguardo i dolori, l’Aikido e la vita di tutti i giorni.
Francesco scrive “quando le situazioni lo consentono”. Per quanto abbia pensato di smettere, ancora non ci è riuscito. Ha pubblicato un sacco di racconti brevi che troverete su internet, mentre il suo primo romanzo, Affresco Veneziano, è stato pubblicato da Arduino Sacco editore. Potete acquistare Anima e Sangue sia in formato cartaceo, in audio libro o in ebook!


Are you looking for a new detective story set on medioeval time? Well, I think it’s time for you to:

Learn Italian
– Call a good translator and convince some publisher to buy the rights of the following book.

My weekly advice goes to the new Francesco Grimandi’s novel, Anima e SangueSoul and Blood is the English translation. Do you remember Francesco? He is the one who told me about the last glaciation in 1709.
Someone could think “Oh my, another historical detective story? How could it be different from the other ones?” Here is the synopsis written by Francesco:

Bologna, autumn 1325. A series of brutal murders, a dilemma that rivets the investigator, a mystery not easy to be solved. In a city at the height of its golden age and in never-ending clash with Modena – its eternal rival – conflicts and strains are outlined. The background is made by the personal confrontation between the murderer and Jacopo Lamberti, a man of justice with many doubts. Through a long-distance duel Jacopo will find out who is behind the indecipherable killer who strikes at night and sneaking up on his victims for no apparent reason … 

Isn’t it so intriguing? This is an unusual, absorbing story built in a different way than the traditional detective stories as Agatha Christie‘s ones. The focus is on the psychological conflict sparked off by the murderer chase rather than the murderer himself, so that’s change the point of view about the whole story.

Jacopo Lamberti is a special detective who lives in a special city. He will face a very tough case which will give him trouble. He will force to use all his cleverness, his soul and his heart if he wants to survive at it. Because it’s not only a matter of justice, it’s a matter of life and death.

I asked Francesco two questions: the first is about the title. Why Anima e Sangue?
He replied: “Because this novel lives, pulses, fires. Besides the blood it has a soul too.”
The second question concerned the length of the novel, which count (only) 118 pages.
His reply was very smart: “Good things come in small sizes.”
So, isn’t Anima e Sangue an excellent reason for start learning Italian, don’t you think? :)

About Francesco: born in Modena, he currently works in Bologna. He likes history, technology and martial arts – just like the housewife who wrote me about aches, Aikido and every day life.
He writes “when the situations permit it”. As far as he tried to quit, he did not succeed yet. He published a lot of short stories – you can find them on the internet, while his first novel, Affresco Veneziano was published by Arduino Sacco editore.

Advertisements
  • Casalinga Ninja

    Mi hai fatto proprio incuriosire…
    Ho visto che è in catalogo anche nella libreria virtuale dove acquisto di solito gli e-books.
    Appena ho un attimo lo vado a scaricare.

    Mi fido dei tuoi consigli e mi ispira il fatto che sia stato scritto da un appassionato di arti marziali XD
    Avevo già sbirciato il sito di Francesco Grimandi quando lui ti aveva dato l’idea per l’articolo che parlava della Piccola Era Glaciale del 1700 ma un po’ per pigrizia e un po’ per cronica mancanza di tempo avevo rinunciato a cercare il suo precedente libro ma con la possibilità di avere questo comodamente a disposizione con pochi click ne voglio approfittare subito.
    Sono sicura che non mi deluderà.

    • EraniaPinnera

      Ciao cara,

      sono contenta di averti dato uno spunto di lettura.
      Mi raccomando, poi, facci sapere se ti è piaciuto! :)

  • Francesco Grimandi

    Muy obligado :-)

  • Pingback: Andare a vivere su Marte, il ‘Punto di non ritorno’ / Life on Mars, the point of no return | Daily Pinner()