Quella tazzina da caffè

Abbiamo un bel po’ di servizi di tazzine da caffè a casa, ma io uso sempre questa tazzina da caffè perché me l’ha regalata la mia nonna Ida.
tazzina da caffè, nonna, nostalgia, caffè

Siccome le piace un sacco il caffè (e anche a me piace moltissimo il caffè), e siccome la vedo pochissime volte all’anno di persona (Facetime non conta), ogni volta che prendo il caffè dopo pranzo con questa tazzina, mi sembra che sono più vicina a lei.
❤️☕️

 

One year of Pull the Trigger – Memories on Facebook

Can’t believe I published the second book of the Chase Williams murder mysteries series one year ago. Here’s a summary of one year of Pull the Trigger, powered by Facebook.

one year of pull the trigger - first review online chase williams murder mysteries series book 2

The translation from Italian says something like: “The very first review of Pull the Trigger has been aired when I was sleeping. Well begun is half done…”

I normally don’t like Facebook reminding me things from the past. Not because I don’t like memories, but because I know by myself what to remember and celebrate, and what is not worth the effort.
Today though, Facebook welcomed my first session of the day there with this lovely announcement I want to share with everyone of you.

One year ago, the first review of Pull the Trigger appeared on the interwebs. From that day, many things happened to my book – most of them positive – including being nominated among the best 50 indie books worth reading in 2015.

One year of Pull the Trigger has passed in no time, and I wish to my second book of the Chase Williams murder mysteries series many other awards, many other good reviews and mostly, many more readers bringing Chase Williams alive with their reading 

Pull the Trigger is available worldwide on Amazon Kindle Store

Find and follow my daily pinnery life on Facebook!

7 life changing goals I achieved in 2014

2014 has been a golden year for me as I’ve managed to achieve a number of life changing goals in the past 12 months.

life changing goals, goals achieved, achievements, hero, good intentions

I skipped writing down my annual good intentions in early January 2014, but maybe that’s what made it such a lucky and memorable year for me.

The life changing goals that I managed to achieve affected both my personal and professional life in fantastic ways.

Here are 7 of my most memorable achievements from 2014.

1. Back to workout

I’m finally back to doing my workouts again. The doctors have allowed me to lift weights and take regular trips to the gym, but I still have to avoid impact exercises like running. If you can recall my endless injury, you’ll know that it’s pretty clear that it doesn’t matter if I still can’t run, the main achievement is that I’m moving my body again.

I joined the gym at the end of August when my body weight was 43 kg (94 pounds) and I felt pretty powerless. My muscles were “asleep”. Over the next 6 weeks I managed to gain 2.5 cm (almost one inch) in my arms, 1 cm (0.3 inches) on my legs and hips, and I lost 1 cm (0.3 inches) on my waist. After 4 months I had gained a whole 5 kg (105 pounds) of muscle and I now have enough strength to lift a handbag and place it into an aircraft luggage compartment. I feel better, I’m happier, and most of all I haven’t lost the hope that I can eventually return to running again.

2. I switched jobs

left my Running Jedi role at Decathlon to become the SEO Lead for Wauwaa, an online destination for new parents and growing families. I got the job thanks to a collaboration of my personal achievements as a mystery fiction author and self-publisher (see below), and the fact that I acted so natural because I had no idea that one of my interviewers was the CEO himself.

3. Books, books, books (and ebooks)

Not only have I managed to read almost one book a week, but I’ve also achieved great goals as a mystery fiction author too. Only a year after my first flash fiction experiment with my detective (super) short stories collection, I’ve written and published many more books. After Cutting Right to the Chase and Into the Killer Sphere were published,  2014 saw Cutting Right to the Chase Vol.2 and Pull the Trigger on the Amazon Kindle Store.

And I’m proud to say that my audience received my titles very well. I’m particularly impressed by the reviews that Pull the Trigger received after less than one month of publication. 50 reviews (and counting!), all with 4 – 5 stars ratings. What a great success. And what does an author want more other than to get back to the writing desk to craft another success? Cutting Right to the Chase Vol.3 is in progress already.

4. Leading a team

At Wauwaa my role not only revolves around SEO. I also manage the copywriting team and I’m heavily involved in the product creation process in the ecommerce area. It’s more of a covering role, but it’s a responsibility that I’m more than happy to have taken on. The copywriting team is made up of a small group of extremely talented and young individuals.

My role not only requires me to manage and coordinate other employees and resources, but also puts me in the spotlight as a role model for these awesome youngsters. I must admit that it’s not a walk in the park, but that’s what pushes me to be balanced in my decisions and choices. They watch and learn from me every day. 

5. (re)discovering Yoga

Yoga plays a crucial part in my long recovery from my injury as the weights workout at the gym make my muscle fibres stronger, but shorter and less flexible. Every time I end a yoga session I feel emotionally drained but Yoga is a discipline that “opens” the body and the mind, bringing myself to a deeper level of consciousness. Sometimes though I hate yoga for that very reason: what you see and feel when you practice yoga is – more than often – what you have been running away from during the whole week prior.

6. Embracing positivity

I’m sorry to say that I’ve recently been hanging around some pretty negative people, which have influenced my point of view. My focus of 2014 has been to “clean up” and review my perspectives, embracing positivity. I must say that seeing the glass half full is quite a tough exercise, although very useful in many aspects of my life, especially work.

7. Planning a new future

The above achievements, and many others not mentioned, have determined that my London settling-in phase is now officially closed. Franz and I came here in the UK determined but unsure of what we would eventually find. Now that I have found what I have been looking for, and I’ve nailed my goals, it’s time to unlock some more achievements, plan more, and go ever further. Look out 2015, here I come!

What about your 2014? Have you managed to achieve some life changing goals throughout the year?

7 traguardi che ho realizzato nel 2014

Il 2014 è stato un anno d’oro per me. Questi sono i principali obiettivi e traguardi che ho raggiunto durante gli ultimi 12 mesi.

obiettivi, 2014, traguardi raggiunti,  hero, buoni propositiIl 2014 è stato un anno quasi memorabile. Non ho scritto una lista di buoni propositi a inizio 2014 e forse mi ha portato un po’ bene. Sono riuscita a raccogliere molte soddisfazioni e a raggiungere traguardi personali e professionali. Tra le tante cose (e sono state davvero tante, per fortuna), ne ho scelto 7, forse le più importanti e quelle che hanno generato le altre che non sono state citate.

1. Sono tornata ad allenarmi

Non proprio come avrei voluto, dato che non posso ancora correre, ma se qualcuno si ricorda il mio infortunio senza fine, tornare ad allenarmi, sebbene solo in palestra, è per me uno dei traguardi più importanti. Direi un vero e proprio elemento che mi ha cambiato la vita.
Sono entrata in palestra a fine agosto, pesavo 43 kg ed ero senza forza. I miei muscoli erano “addormentati”. In sei settimane ho guadagnato 2.5 cm di braccia, 1cm di gambe e fianchi, e ho perso 1cm di vita. Dopo quattro mesi di palestra ho preso 5 kg. Adesso riesco a sistemare i bagagli a mano nella cappelliera di un aereo senza che nessuno mi aiuti. Mi sento meglio, sono più allegra e soprattutto non ho perso la speranza di tornare a correre.

2. Ho cambiato lavoro

Ho lasciato il mio ruolo di Running Jedi a Decathlon per diventare il SEO Lead di Wauwaa, una startup che si occupa di prima infanzia e maternità. Alla fine dell’anno, posso dire che probabilmente mi hanno dato il posto anche perché durante il colloquio non avevo capito che stessi parlando con il CEO dell’azienda. E anche per merito dei miei traguardi come self publisher (vedi sotto).

3. Libri, libri, libri.

Non solo sono quasi riuscita ad arrivare a leggere un libro a settimana (sono arrivata a 48, peccato!), ma anche come autrice me la sono passata molto bene. Un anno dopo la mia prima, brevissima pubblicazione, il mio parco libri pubblicati è arrivato a quattro – dopo Cutting Right to the Chase e Into the Killer Sphere, nel 2014 sono seguiti Cutting Right to the Chase Vol.2 e Pull the Trigger. Il pubblico ha accolto questi due titoli molto bene. Sono sorpresa soprattutto dalle recensioni di Pull the Trigger a meno di un mese dalla sua uscita: più di 50 recensioni in totale e tutte a 4 o 5 stelle. Cosa vorrebbe di più un autore? Scrivere altri libri. Cutting Right to the Chase Vol.3 è in progress.

4. Guidare un gruppo

A Wauwaa mi occupo anche di coordinare il team dei copywriter e sono coinvolta nel processo di creazione dei prodotti dell’area ecommerce. Più che un compito, si tratta di una responsabilità che sono lieta di gestire. Il gruppo dei copywriter è composto da persone molto talentuose, ma giovani. Il mio ruolo non è solo quello di coordinare e gestire risorse e personale, ma anche quello di essere un modello per loro. Ammetto che non sia una cosa semplice, ma questo mi aiuta ad essere equilibrata nelle mie scelte e nelle mie decisioni. Loro guardano me e imparano da quello che faccio.

5. Riscoprire lo Yoga

Lo yoga è una parte fondamentale del mio recupero fisico, dato che il potenziamento muscolare rende le mie fibre meno flessibili. Ogni volta che esco da una sessione di yoga mi sento psicologicamente devastata, perché si tratta di una disciplina che apre non solo il corpo, ma anche la mente, portandomi a un livello di consapevolezza molto profonda. A volte odio lo yoga proprio per questo, perché quello che vedi e senti quando lo pratichi a volte è tutto ciò da cui scappi durante la settimana.

6. Abbracciare la positività

Mi dispiace dirlo, ma negli ultimi tempi mi ero circondata di persone che avevano un punto di vista molto negativo, e così facendo hanno condizionato anche il mio punto di vista. Ho lavorato durante tutto il 2014 per fare un po’ di “pulizia” e rivedere le mie prospettive. Devo dire che sforzarsi di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno è un esercizio complicato, ma utile su tutti i fronti, e soprattutto pensando al punto n.4.

7. Pianificare un futuro

Con questi (e altri) traguardi raggiunti, posso dichiarare la fase di rodaggio Londinese ufficialmente conclusa. Siamo arrivati in terra d’albione con le idee chiare su quello che avremmo voluto fare, ma senza sapere cosa avremmo trovato. Ora che ho trovato quello cercavo e ho raggiunto gli obiettivi che mi ero prefissata, posso andare avanti con i prossimi.

E tu, sei riuscito a raggiungere qualcuno dei tuoi buoni propositi del 2014?

Perché lascio una multinazionale per un’ecommerce startup

Decathlon-multinazionale-ecommerce-startup1 anno e 10 mesi. 673 giorni.

Questo è il tempo che ho passato a Decathlon UK Campus a Londra, lavorando part-time come Running Specialist. Decathlon è stato il primo posto dove sono andata a lasciare il mio CV, dove ho fatto il mio primo colloquio e dove sono stata presa subito, grazie alle mie conoscenze di corsa maturate sulla pista.

Dopo 673 giorni, è arrivato per me il tempo di cambiare aria, lavoro e carriera.
Ecco le motivazioni per cui ho deciso di cercare un altro lavoro:

Nessuna carriera: nonostante le porte del management non fossero chiuse per me, non ero interessata a diventare manager di dipartimento. Le porte dell’Head Office, invece, sono sempre state chiuse, apparentemente senza ragioni plausibili (ho chiesto delle spiegazioni, ma non mi sono state date).

Il lavoro routinario: dopo più di 600 Gait Analysis, non trovavo più stimoli. Per quanto sia gratificante aiutare i runner a scegliere le attrezzature migliori per i loro allenamenti, a un certo punto ho iniziato ad annoiarmi.

Fisicità delle mansioni: lavorare nei lunghissimi corridoi di Decathlon è un lavoro fisico. Dal 25 marzo, il mio braccialetto Jawbone ha contato più di 1500 km percorsi nello shopfloor. Senza contare i pesi sollevati durante le delivery e gli step fatti salendo e scendendo dalle scalette (sono “alta” meno di 160cm, lo step è stato il mio migliore amico). Il mio lungo infortunio (finalmente in risoluzione), tra l’altro, non mi ha aiutato.

Ho odiato e amato Decathlon allo stesso modo. A livello umano l’ambiente è piacevole. Dall’altra parte, credo che ci sia una scarsa presenza e organizzazione dall’alto, che rende il lavoro di tutti più difficile e complicato. Per quanto l’attuale store manager sia una persona con grandi capacità umane e organizzative, l’idea che mi sono fatta è che purtroppo si ritrova con la mani legate sotto certi punti di vista.

Qual è la mia prossima missione?

Amo il SEO. Sfidare e collaborare con i motori di ricerca è un’arte complicata e sottile. Non si tratta solo di sedurre gli occhi robotici dei motori di ricerca, ma anche di piacere all’occhio degli esseri umani.

Ho fatto il mio percorso da SEO specialist con questo blog, il mio sito e quello di Chase Williams, e soprattutto ho fatto esperienza con le pagine Amazon dei miei libri gialli. Ho commesso un sacco di errori, ho studiato e sperimentato (e lo sto facendo ancora), ho aiutato colleghi scrittori e amici con business online e offline. E ho deciso: voglio diventare un’esperta di SEO. Ho cercato e cercato, e finalmente ho trovato il lavoro giusto, quello che faceva per me.

Il 6 giugno ho iniziato a lavorare per Wauwaa durante i miei giorni liberi a Decathlon. Wauwaa è un ecommerce che vende prodotti per madri e bambini: vestiti, accessori, attrezzature per la pappa e per il trasporto di neonati e bambini. Dopo qualche settimana, sono stata promossa a SEO Lead. Nelle prossime ore, la mia posizione da SEO Manager diventerà definitiva e full time. Ho iniziato come tirocinante, e ora sono (quasi) un’impiegata a tutti gli effetti. Wauwaa è ancora in fase di startup, ma siamo tutti molto positivi a riguardo. Sono molto felice della fiducia che il team, a partire dal CEO e dal COO, hanno riposto in me e nelle mie conoscenze di SEO.

La cosa più bella di Wauwaa è che non si tratta di una mera ecommerce startup come tutti gli altri. Wauwaa è anche un posto dove madri e padri possono trovare consigli riguardo essere genitori, come risolvere alcuni piccoli problemi quotidiani con i propri neonati e figli. Wauwaa vuole essere un punto di riferimento e informativo riguardo il mondo dei bambini e dei genitori. Il portale dei contenuti di Wauwaa è una risorsa di blog e video molto utile anche per chi non è più un genitore di primo pelo.

Insomma, il mio campo è rimasto quello del retail, ho solo spostato il mio raggio di azione: dal palcoscenico alle quinte, sempre con lo stesso obiettivo di aiutare le persone a trovare i prodotti migliori per le loro esigenze.

Per tre mesi ho lavorato 6/7 giorni su 7, facendo 12 ore di fisioterapia alla settimana e girando per Londra con 5kg di zaino sulle spalle. Non nascondo che è stata dura, certe volte. Ho lasciato una multinazionale per una startup e mi sento bene, piena di vita, con tanta voglia di fare e di migliorare. Non abbiate paura di rischiare e di cambiare carriera, prendete le cose con spirito positivo e raccoglierete i frutti dei vostri sacrifici.