30 things I learned in my 30 years of life / 30 cose che ho imparato nei miei 30 anni di vita

Scrolla in basso per la versione in italiano

30 things I learned in 30 yearsYes, today is the day. Happy birthday to me!
Thirty years. Cool, isn’t it?
Since that’s a very round figure, I spent the last few days thinking about the thirty things I learned in my thirty years of life on Earth. Here they are.

1) Help who deserves your support. Just don’t expect something back. Helping someone means acting with no ulterior motives.
2) Be the person your dog thinks you are.
3) Treat items and stuff well when you are in a store. There are people who actually work there, so pay them respect.
4) Don’t forget your origins and where you come from. Never.
5) You will be never ready enough when a person you love will be gone forever.
6) You can count your true friends on your hand.
7) Make always people respect you. Possibly by fair means.
8) World is not fair. We can work every day on our little things to make it better.
9) Surround yourself with people that make you happy.
10) You are the average of the five people you associate with most.
11) Don’t regret anything you did in your life. It’s better to make a mistake than live with the doubts of what you didn’t do.
12) Successful people forgive. And apologise.
13) Perfection is not the main goal, it’s just a tool to improve.
14) Remember to motivate and gratify the people who cooperate with you.
15) Don’t take for granted all the most beautiful and true sentiments you may feel for someone. They need to be looked after and nurtured every day.
16) A tiny lady takes an average of 20 minutes to pee 200ml of water.
17) Unwanted hair doesn’t “fall by itself when growing up” like your mother has always told you. You have to remove it. One. By. one.
18) Flowers are a bad gift because they attract bees, wasps and hornets. And they may sting you.
19) Don’t aim too high. Proceed with baby steps, it will make your success sweeter.
20) Life is a privilege. Some friends of mine never turned 30.
21) If you ask me a honest opinion, don’t expect me to do the opposite just to flatter you.
22) Pain is not a cause. It’s an alarm bell. Don’t ignore it.
23) Injuries, accidents and diseases are not punishments.
24) Life is too short to read bad books and to eat bad food.
25) If you recover from some issue, don’t thank God. Thank the medical science and the people supporting you.
26) I have a great sense of smell and a Vulcanian hearing. But if I take off my glasses I won’t either smell or hear or see.
27) I thank everyday the dark times at the high school, when I had my brace(s) on. Now I can smile without being ashamed of my teeth.
28) I’m very sorry for all the only children in the world. They will never experience the gift of having a sister or a brother.
29) I still haven’t spent more than what I earned. Maybe because I haven’t bought a home yet.
30) Seriously, what’s in turning thirty? The true is that I haven’t learned anything so far, a part from how to procrastinate by watching THEM.


Sì, oggi è arrivato il fatidico giorno. Tanti auguri a me!
Trent’anni. Figo, eh?
Dato che la cifra è quanto mai tonda, ho passato gli ultimi giorni a pensare alle trenta cose che ho imparato nei miei primi trent’anni di vita sulla Terra. Eccole qui.

1) Aiuta chi pensi meriti il tuo sostegno. Non aspettarti qualcosa in cambio, però. Aiutare qualcuno significa agire senza secondi fini.
2) Prova ad essere quello che il tuo cane crede che tu sia.
3) Tratta le cose e gli oggetti come se fossero tuoi, quando sei in un negozio. Ci sono persone che lavorano per te, ma questo non significa che tu non debba portare rispetto, sia per le persone che per gli oggetti.
4) Non dimenticarti mai le tue origini. 
5) Non sarai mai pronto abbastanza quando una persona a cui vuoi bene se ne andrà per sempre.
6) Gli amici più veri e sinceri si contano sulle dita di una mano. 
7) Fatti sempre rispettare. Possibilmente usando le buone maniere.
8) Il mondo è ingiusto. Ma possiamo lavorare sulle nostre piccole cose ogni giorno per renderlo un posto migliore.
9) Circondati di persone che ti rendono felice. 
10) Tu sei la media delle cinque persone che frequenti di più.
11) Non avere mai rimorsi. É meglio commettere degli errori piuttosto che vivere con il dubbio di quello che non è stato.
12) Le persone di successo perdonano. E chiedono scusa.
13) La perfezione non è un traguardo finale, ma solo uno strumento per migliorarsi.
14) Ricordati sempre di motivare e gratificare le persone che collaborano e lavorano con te.
15) Non dare mai per scontato i sentimenti più belli e intensi. Hanno bisogno di essere curati e alimentati ogni giorno.
16) Ci vogliono circa 20 minuti per trasformare 200ml di acqua in pipì.
17) I peli superflui non “cadono da soli, quando cresci”, come ci hanno sempre detto le nostre madri. Li devi togliere tu. Uno a uno.
18) I fiori sono un pessimo regalo perchè attraggono api, vespe e calbroni. Che pungono.
19) Non puntare troppo in alto. Procedi a piccoli traguardi, renderà la scalata al successo molto più piacevole.
20) La vita è un privilegio. Certi miei amici non arriveranno a compiere 30 anni.
21) Se mi chiedi un’opinione sincera, non aspettarti l’opposto solo per farti piacere.
22) Il dolore non è una causa, ma un campanello d’allarme. Non ignorarlo.
23) Gli infortuni, gli incidenti e le malattie non sono punizioni.
24) La vita è troppo breve per leggere libri brutti o mangiare cibo pessimo. 
25) Se guarisci da qualcosa, non ringraziare Dio. Ringrazia la scienza medica e le persone che ti sono state affianco.
26) Ho un ottimo olfatto e un udito Vulcaniano. Se però mi tolgo gli occhiali non solo non vedo, ma nemmeno sento.
27) Ringrazio ogni giorno i tempi bui della scuola, quando portavo l’apparecchio (o meglio, gli apparecchi) ai denti. Oggi posso sorridere quanto voglio senza vergognarmi.
28) Mi dispiace moltissimo per tutti i figli unici del mondo, perché non hanno avuto l’occasione di crescere con un fratello o una sorella.
29) Non sono ancora riuscita a spendere più di quello che ho guadagnato. Forse perché non ho ancora acquistato casa?
30) Che poi, alla fine, cosa sono 30 anni? La verità è che non ho ancora imparato nulla, a parte procrastinare sul web guardando LORO.

Advertisements

[Guest post] 10 (+3) reasons to write mystery fiction/ 10 motivi per cui scrivere storie di mystery

Scrolla in basso per la versione in italiano

10 (plus 3) good reasons to write mystery fictionI love writing mystery fiction, and most of all I love reading it. I asked my friend Giulia Beyman, an Italian mystery besteller author, the same question. That made her twinkle and wrote a great blog in Italian about her ten reasons why she writes mystery fiction. Therefore, since my Jubilee is still in progress (CLICK HERE FOR THE UPDATED SCHEDULE) I obtained her permission to translate it in English.  Giulia agreed and asked me also to add my main reasons that push me to write mystery and detective stories. So here you are: Giulia guest blog and my reasons to follow.

***
I was dealing with  a window glass in one of my stories – just a simple window glass which was supposed to be unbreakable – when I realised that my main character had to break it if she wanted to save her own life. I deal with this kind of situations every day, while writing.

This time I asked myself: why I chose to write mysteries? You know, it’s not easy at all. You have to square things up and think of the plot at the big picture: there are so many threads to weave together! Anyhow, here are my reasons why, no matter what, I keep writing mystery fiction.

1) Do you know another way to kill a husband (yours or someone else’s) without ending up in jail?
2) In the eternal struggle between good and evil, the good always wins if you write a mystery. What a nice feeling! The world is full of bad news and uncertainties, but I can always have my happy ending.
3) I can put people I hate in my stories and drag them into awful situations. I feel better afterwards without hurting anyone.
4) I love questions. Writing mystery fiction opens me a whole world of questions.
5) Whatever happens in my stories I can always think that it’s all fiction.
6) I can find the murderer before everyone else.
7) When doing researches on some cool ways to kill someone (without leaving any trace) no one suspects about me. Never.
8) I can think “How cool would be if I kill him (or her)!” without feeling too guilty.
9) I don’t feel too weird when, while opening a newspaper, the first thing I check is the obituaries.
10) I write mysteries because I love reading them, and even more I love writing them.

What about you, Stefania? I know that you write mysteries too. And you’ve got such a cool detective… What are your good reasons to write mystery fiction?

Well, I can add at least three main reasons the lead me to the mystery/detective story road.

1) It challenges myself. A detective story cannot be predictable. And if it is so, there must be a very good reason. Mystery fiction keeps my brain switched on and pushes me to find better ways to amaze my readers.
2) I can distort reality. One day, my auntie was dusting her living room chandelier and loosened something in its attachment by accident. Few days after, the chandelier crushed down – no one was injured, luckily. But what if it was not an accident and my aunt wanted to kill someone? That’s the beginning of Into the Killer Sphere
3) It’s a relief valve. Whatever plot I create for my mysteries, whether it is inspired by true stories or not, it’s just fiction. It’s good to have a break from reality and get inside a world when dreadful things may happen, but you can control them. It helps me to stay balanced in my daily life.

What about you? Why do you (or would you) write mystery fiction?


Mi piace scrivere gialli, ma soprattutto mi piace leggerli. Ho chiesto alla mia amica Giulia Beyman, scrittrice bestseller di gialli e di mystery suspance, perché lei scriva storie di mistero e perché, per esempio, non scriva fantascienza.

A lei la domanda è piaciuta così tanto che ci ha scritto un post sul suo blog. Io, ovviamente, ho preso la palla al balzo per aggiungere anche il suo post alle celebrazioni per il mio trentesimo compleanno (CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA AGGIORNATO), ma in versione solo inglese, per rispettare il suo lavoro.
Leggi qui i 10 motivi di Giulia Beyman per cui lei scrive gialli. Buona lettura!

[Guest post] 30 things I learnt from books / 30 cose che ho imparato dai libri

Scrolla in basso per la versione in italiano

30 things I learnt in 30 years of booksDailyPinner’s Jubilee (CLICK HERE FOR THE UPDATE SCHEDULE) is not only about interviews and interesting people hosted here… it’s also being hosted in other websites and blogs to talk about bookish things and being thirty.

With my great honoured I’ve been hosted again on Carla Monticelli’s blog, an Italian sci-fi besteller with her awesome Deserto Rosso saga – which will be soon released also in English, so stay tuned.

For Carla’s blog I wanted to merge the book topic with my thirty birthday one, making a list of thirty things I learnt from books along my thirty years of reading and writing.
Some are pretty obvious, but something else aren’t… so fast your seatbelt and CLICK ON CARLA’S BLOG!

“30 things I learnt in 30 years of books” is also featured on The Fussy Librarian blog! SOOO COOL!


Il mio Giubileo (CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA AGGIORNATO) non è solo interviste e persone interessanti che ospito qui… per me significa anche essere ospitata in siti web e blog dove posso parlare di libri e dell’avere trent’anni.

Sono molto orgogliosa di essere nuovamente ospite nel blog di Carla Monticelli, besteller italiana di fantascienza con la sua saga “Deserto Rosso”.

Stavolta, per il blog di Carla ho preparato qualcosa che sposi l’argomento libri con quello dell’avere trent’anni: ho fatto una lista delle cose che ho imparato dai libri in trent’anni di letture e… scritture.

Alcune cose sono abbastanza ovvie e tutti si possono rivedere in loro, ma certe altre… allacciati le cinture e VAI SUL BLOG DI CARLA!

La versione inglese di “30 cose che ho imparato in 30 anni di libri” (“30 things I learnt in 30 years of books”) è presente anche nel blasonato blog di The Fussy Librarian!

Photo credit by Steven Harris

Lettera aperta a Bianca Pitzorno

Manuale giovane scrittore creativo bianca pitzornoCarissima signora Pitzorno,

non credo che questa sia la prima lettera che riceve via web. Ho cercato il suo indirizzo email per mari e monti, scomodando anche i ragazzi di Progetto Wonderland, ma con poco successo. Spero che lei trovi questa pagina del mio blog, un giorno o l’altro.

Penso che riconoscerà la copertina del libro nella foto. É tutto sporco e rotto, credo che ci sia un buon metro di scotch tra le pagine, per tenere tutto unito. Mi ricordavo di averlo ricevuto in regalo per Natale quando avevo circa otto anni, poi la prima pagina mi ha illuminato. Scritto a penna, nella mia calligrafia di allora, si legge: Stefania Mattana, 18-06-1996. Avevo dodici anni ed era il tredicesimo anniversario di matrimonio dei miei genitori.

Ebbene, carissima signora Pitzorno, io non credo nel destino e in queste cose così, perché il destino lo facciamo noi, con le nostre scelte e decisioni che si ripercuotono sulle nostre azioni e sulle persone che abbiamo intorno. In questo caso, il destino è stato il suo libro e i miei genitori, che vedendomi scribacchiare ovunque e a tutte le ore, mi hanno regalato il “metodo” per rendere il mio scrivere più articolato.

Mi scuso con lei per le condizioni precarie in cui versa il Manuale adesso, però mi deve capire: questo libro mi ha seguito ovunque, anche dove non era necessaria la sua presenza. Se andavo in vacanza, a fare un giro di due giorni da qualche parte, ai campionati studenteschi e italiani di atletica, il Manuale era con me. Ho cambiato case, città, nazioni, e nella mia valigia c’è sempre stato un posto per questo libro. Come un amuleto, una conditio sine qua non per muovermi da un posto all’altro, anche per brevi periodi.

Il Manuale del Giovane Scrittore Creativo è uno dei libri più belli che io abbia mai letto e riletto e riletto e riletto. Non solo è scritto molto bene – come tutti i suoi libri – ma è anche pieno di ironia e intelligenza. E soprattutto, è scritto per i bambini, ma con uno stile “difficile” che ha segnato il mio modo di scrivere. Prisca e le sue amiche mi hanno dato il buon esempio: loro usavano termini complicati, parole ricercate che a dodici anni non conoscevo e che dovevo conoscere, se volevo diventare una scrittrice.

É colpa sua, signora Pitzorno, se ogni tema che scrivevo al liceo veniva votato con appena la sufficienza (se ero stata fortunata) dalla mia professoressa di italiano (la mia Arpia Sferza), che mi accusava con tono indignato di essere drammaticamente innamorata delle parole. Cosa che, per la cronaca, non andava bene per niente. Ed è anche colpa sua, se nonostante le batoste e qualche presa in giro dei miei compagni, non ho mai smesso di scrivere. Perché mi bastava aprire quel Manuale per ritrovare, tra le sue pagine, quella “stanza tutta per sé” che serve a un giovane scrittore creativo per chiudersi nel suo guscio solitario e costruire storie.

Manuale giovane scrittore creativo bianca pitzorno REMCompirò trent’anni a breve, signora Pitzorno, eppure il suo Manuale non è solo un peluche da conservare e portare con me. Il suo Manuale mi è sempre stato utile, e lo è ancora oggi. Lo testimoniano i vari appunti tra le pagine che ho lasciato negli anni. Questo nella foto, per esempio, è un post-it con parte della discografia dei REM datato, a occhio, 2008.

Il mio Chase Williams ha poco a che vedere con Prisca Puntoni, ma credo che sia anche merito di Prisca, se Chase (e soprattutto il suo amico Angelo) ha conservato un po’ del suo animo fanciullesco, nonostante i fatti oscuri e truci che ha visto e vissuto.

Quando inciampo in un problema di plot, apro il Manuale. Come se fosse un libro di streghe. E, come un libro di streghe, il Manuale mi fa trovare la soluzione. E così, prendendo dalla lezione numero 9, la sua carta medicina diventa la mia carta veleno, la sua scimmia diventa il mio amante, la sua poltrona è diventata il mio lampadario (e chi ha letto Into the Killer Sphere ha già capito molte cose).

L’altro giorno, quasi per caso, Cutting Right to the Chase vol.2 è entrato nella classifica bestseller di Amazon. Ho lavorato tanto sul mio stile di scrittura, sulle trame, sui miei personaggi, sul mio inglese, e questo risultato è solo l’inizio, per me – o almeno lo spero.
Sono ancora una giovane scrittrice creativa e c’è ancora tanta strada davanti a me prima di diventare quello che volevo essere da bambina.
Però, ecco, carissima signora Pitzorno, io la volevo ringraziare.
Ci sono persone come lei, gli autori di Progetto Wonderland e Murielle Cyr, che scrivono storie per bambini e ragazzi, modellando in parte il carattere dei vostri giovani lettori.
Se io amo leggere e scrivere così tanto è anche per merito vostro, e di coloro che hanno acquistato i vostri libri per me.

Spero che lei e si suoi colleghi non smettiate mai di ispirare i più piccoli. Grazie.
Con affetto,

Una giovane scrittrice creativa (di gialli)

5 profili Instagram che devi seguire – 5 interesting Instagram accounts you should follow

Scroll down to read the English version

Aggiornamento 2016: tra gli account Instagram che dovete per forza seguire ci sono il mio account Instagram–con una storia divertente a riguardo– e l’account di Chase Williams

Amo molto Instagram. Sebbene non pubblichi molte foto, mi piace andare in giro per profili a guardare foto interessanti e strane.
Ecco i cinque profili Instagram che dovresti seguire anche tu.

1) Riccardo Masini aka Sinclair

Roma Instagram Riccardo masiniRiccardo è uno dei tanti bravi appassionati di fotografia che ama moltissimo la sua città, Roma. Grazie alle sue foto su Instagram è possibile carpire la vera anima di Roma, quella poetica e bellissima che spesso non si nota, tra la bulimia artistica del turista e l’esaurimento nervoso del cittadino romano. Gli scatti di Riccardo restituiscono a Roma la pace che merita. Poche volte Roma è apparsa ai miei occhi così bella.

2) Rugbygramers

Instagram rugbygramRugbygram non è un profilo Instagram tout-court, è l’espressione dell’hashtag #rugbygram, perché funziona come un aggregatore per tutte le foto che vengono taggate con questo hashtag. In questo account, da ogni continente, giungono foto di rugbisti di ogni età e… gradazione di fango! In Rugbygram lo sport viene espresso nella sua essenza più sincera, quella che mescola il professionismo e il rugby pane e salame.

3) Dogster

Instagram DogsterAmanti dei cani e non solo, questo è il vostro vero paradiso per gli occhi: cani di tutti i tipi, razze e dimensioni nelle loro pose più belle (e buffe). Alcuni di loro raccontano una storia, alcuni raccontano la storia di chi è stato più sfortunato, altri semplicemente sono catturati nei loro momenti più divertenti o teneri. Insomma,  un profilo tutto da guardare con gli occhi così: *___*

4) Nasa

Instagram NasaVuoi andare nello spazio ma non hai il fisico (o i soldi)? Niente paura, la Nasa porta lo spazio sul tuo smartphone. Sembra che l’hobby più gettonato tra gli astronauti in orbita attorno alla Terra sia quello di fare foto… per nostra fortuna! La Nasa ha aperto parte del suo archivio fotografico e l’ha messo su Instagram, per faci sognare e rimanere a bocca aperta, osservando le stelle… guardando in basso!

5) Jamie Oliver

Instagram Jamie OliverJamie Oliver si è messo in testa un’idea: insegnare a tutti come cucinare seguendo i principi della sana alimentazione e vivere una vita equilibrata. Il profilo Instagram è uno degli innumerevoli canali di comunicazione che Jamie Oliver usa per diffondere la filosofia del buon cibo. D’altronde – e noi italiani lo sappiamo bene – mangiare sano è un’arte. Per esempio, vogliamo parlare di questa pasta?

Mi sono dimenticata qualche profilo Instagram fondamentale che bisognerebbe assolutamente seguire?

Update 2016: there are two new Instagram accounts you must follow: my personal Instagram account–here’s a funny story about it– and Chase Williams’!

I love Instagram very much. Although I don’t usually post lots of pics I enjoy browsing through the profiles to see interesting and weird pics, sometimes enhanced by brilliant comments and captions.
Here are five Instagram accounts I think everybody should follow.

1) Riccardo Masini aka Sinclair

Roma Instagram Riccardo masiniRiccardo is a passionate photographer who loves his city, Rome. Thanks to his pics on Instagram you can catch a glimpse of Rome’s deepest soul, its poetic and beautiful side that sometimes we miss: as tourists we’re often taken by a kind of artistic-bulimic syndrome, while as a citizens we’re always late and neurotic. Riccardo’s pics return to Rome its own peace. Rome has never been so splendid.

2) Rugbygram

Instagram rugbygramRugbygram is not a common Instagram profile, it’s the expression of the hashtag #rugbygram, as the account works as an aggregator of the all pics labeled with this hashtag. On Rugbygram every rugby player – of every age and shades of… mud! – can post a rugby-related photo. Rugbygram expresses the most sincere essence of sport as a mixture of both professional and amateur rugby.

3) Dogster

Instagram DogsterCalling all dog lovers! If you love dogs and puppies this Instagram profile is heaven for you! You will find dogs of every size and breeds in their best (and funny) poses. Some of them tell us a story, some other tell a story about an unlucky chap, others are simply caught during their funniest or most tender moments. To recap, it’s a profile that must be awwwwed and looked with those eyes: *____*

4) Nasa

Instagram NasaWant to go into space but don’t have the background (and money)? No worries. Nasa brings the space to your smartphone. It seems like the most popular hobby among the astronauts orbiting around the Earth is shooting pictures – a fortune for us! Nasa has opened part of its photographic archive and put it on Instagram to make us dream and leave us speechless. This way we can look at the sky while looking… down!

5) Jamie Oliver

Instagram Jamie OliverJamie Oliver runs away with this idea of teaching everyone how to cook and live a balanced life with a healthy nutrition. Jamie’s Instagram profile is just one of the lots of communication channels he uses to spread the good food philosophy. After all – Italiani know it very well – eating healthy is an art. Do you want to talk about this pasta, for example?

Did I forget some Instagram profile that needs to be follow?