Proud sister

Spoiler: there’s also some Italian content in this post!

It comes the time when you have to admit that, despite the age, you’re not the smartest bean in the family, and you become a proud sister.
Look at this young lady on the right:

stef and sara, sister, sibllings, proud sister

She’s my sister Sara, and she’s just made such an accomplishment. But let me take a step back.

What my sister does for a living

Sara works for the Perugia University, she’s a PhD student and will be graduating next year.
She enrolled the uni taking a course that in English sounds like “Cultural Heritage Preservation”.
It was a mix of Art History and technical/chemical studies aimed to preserve and renovate ancient paintings and general artistic masterpieces – or something like that.

After three years of studies in this field, she felt in love with a series of chemical and microbiological techniques that are used also in the painting restorations, so she pivoted to biotechnology.

Biotechnology opened her to a wide spectrum of new stuff to learn. She got excited about many things I don’t understand, so I’m not able to explain to you – sorry!
Long story short, she’d been invited to Exeter, UK, to spend 40 days of research in there, cutting mice brains to find a specific cell or enzyme (I don’t recall in detail, sorry again!) which does something that can help find a cure to Alzheimer’s.
Then she’d been invited to Jena, Germany, to talk about that and other discoveries her team is making in Perugia.

As a PhD graduating, she’s not supposed to be one of the main authors of any papers – she’s a biotechnology padawan, she shouldn’t be able to put together a paper and publish it with the support of the team. That should be quite the opposite in fact – her supporting the team that publishes stuff.
Anyway, she made it – she’s been one of the main authors of a number of papers. Well done, right? But there’s more.

The paper that made my sister famous

Rest assure – and I want to underline this very much – that the following is the result of a collective effort and many months of team researches.
A couple of days ago, an important publication went online. Many press agencies worldwide, included the famous Italian ANSA, have mentioned it by using big titles to emphasise the news.
Here it is: English version and Italian version

I asked my sister to explain to me in plain language what she and her team achieved with this discovery.
In a nutshell, they’re trying to create a sort of ‘artificial brain’ where to grow cells that should behave like neuron cells. Those cells grow well in a specific environment my sister and her team have successfully verified in their studies. They’ve monitored the cells “vitality” by using a badass technique called Raman. This could be a game changer within all the researchers the scientific community is making on many levels.
She then added a number of words and technical wording my simple brain wasn’t able to decode into plain language.

Proud sister having proud moments

You know, if you have siblings you can hear my feelings right now. As a big sister, I’ve always had to give the example to my younger sister, so I feel like the 1% of her success is also due to my endless efforts of keeping the bar as high as possible.

On the other hand, I hope that finally my sister drops her impostor syndrome towards me. As the youngest, she felt like she was always a step behind me.
There have been times, whilst growing up, when she needed my approval for everything, because I was the older sister.

Sometimes I also sense that she fears my judgment in what she does or happens to her. Looking back, I didn’t “approve” her choice to take the academical career and work for the university.
I’m so glad to see life proofs me wrong.

As a proud sister I can’t be more happier to see that my sister is a young successful woman who’s achieving great goals in a field that in Italy often struggles to get funded, and – most importantly – is heavily dominated by men.

Phenomenology of a coffee addiction

As Chase Williams always says: I can’t have a decaf, I’m a cop ☕️🍪 This is coffee addiction, people.

coffee addiction, caffeine problems, writers and coffee

SPOILER ALERT

This is not the usual post about writers falling in love with the IDEA of coffe.
This is a post about coffee addiction.
There’s something deep and sick between coffee and writers. Coffee helps writers to stay up late at nights to finish their stories. Coffee, like tea, is a confort drink that keeps company whilst writing. The gesture of sipping a warm coffee merges with the gesture of moving the fingers on the keyboard.

Yeah, I wish it was just that.
It becomes an habit, people say. It’s a bloody addiction, I say. And that goes beyond writing.

I’ve got a serious coffee addiction – and this is my true story


The first thing I do in the morning – the very first thing – is to switch the coffee machine on. Then I can go wee, have breakfast, salute my husband, etc.
I can’t do anything else before having my shot of caffeine in the morning. My brain just doesn’t respond to any input that is not hitting the button of the coffee machine.

When I move to the UK, I hated any kind of coffee but the beloved Italian espresso*. I just couldn’t have any of them, they weren’t real coffee to me. I figured out very soon it wasn’t about me being picky, it was a physiological matter. The espresso coffee contains a different amount of caffeine than other types of coffee (ie French pressed, instant etc.). The precise amount of caffeine my brain have been needing to function since I was 13, or 14.

Since there was no moka around to make an espresso, I had to have instant coffee only, which have a less amount of caffeine than an espresso. After a few days, my mood changed dramatically. I felt blue all the time, our efforts to build a life here in the UK looked nonsense and I felt hopeless and ready to sob at any time. Plus, a constant headache was killing me. And I mean it.
I didn’t think it would cause by the lack of caffeine.

I had my first British espresso 8 days after I landed in the London. After 30 minutes, I started seeing rainbows and lollipops again. The miracle of the caffeine struck back.

The power of coffee while writing

Forget the stereotype of the writer comfortably sat on a swing chair in the patio, in front of a silent lake, sipping a cup of coffee. That’s really cool for your Instagram stream.
Just picture me on my only day off of the week, crushed on my living room couch, a miserable cold weather outside, my pyjamas on, husband watching football on the other couch (and commenting aloud!) and the kid upstairs never stopping to run on my head the whole day.

  • I need to focus.
  • I need to not lose my train of thoughts and the complicated plots I’ve created for my new Chase Williams’ mystery story.
  • I need to pretend the kid upstairs is not running like a herd of gnus.
  • I need to perceive my husband’s voice like white noise
  • And yes, I’m wearing earphones with some music, but this music is too good that it’s distracting me, I have to change it
  • OK, this music is OK, but I can hear all the loud-making mentioned points above

In this context, the coffee is vital. It helps me stay focused and ignore the rest. I can leverage my coffee addiction to boost my grey cells. It’s like doping. Well, caffeine is kind of a doping substance. Guh.

So, forget the bucolic idea of the writer sipping a lovely mug of coffee in peace because there’s some writing in progress. Writers use coffee because they’ve got a coffee addiction, they can’t work without coffee. It’s more like a need than a pleasure. It’s a pleasure because we need it, and life’s more colourful when the caffeine flows in your veins.

You’re not alone – and you don’t want to give up your coffee addiction

This is my story about the relationship I have with coffee. The society wants us to know that coffee addiction is bad, but we know it’s not. It’s a blessing.
I’d like to meet people and writers with a coffee addiction like mine. So, if you dare, leave a comment below and share your story :)

Taken at London Bridge

Follow me on Instagram!

*I’d never thanked myself enough to have moved outside Italy also for the coffee thing. I luckily had an open mind to taste different types of coffee, and I found out that they’re all pretty tasty. Each of them have to be tasted and ‘used’ depending on my needs and situations, but I do love all the coffee in the world, even the cold brewed one (which, if you have a coffee addiction, you should totally try out if you haven’t yet)! ❤️

Sono caffeinomane: fenomenologia della dipendenza da caffè

Come direbbe Chase Williams: non posso bere decaffeinato, sono uno sbirro ☕️🍪 Sono una caffeinomane, signori.

caffeinomane, dipendenza dal caffè, cappuccino

SPOILER ALERT

Questo non è il solito blog sugli scrittori che si innamorano dell’ IDEA del caffè.
Questo è un post sull’essere caffeinomani, sulla dipendenza dalla caffeina.
C’è qualcosa di profondo e malato che lega caffè e scrittori. Il caffè aiuta gli scrittori a stare svegli la notte per finire le loro storie. Il caffè, come il te, è una bevanda che conforta e tiene compagnia mentre si scrive. Il gesto di sorseggiare un caffè caldo si fonde idealmente con il gesto di muovere le dita sulla tastiera.

Bere il caffè è un’abitudine, dice la gente che non sa cosa significa essere caffeinomani. Quella dalla caffeina è una dannata dipendenza, che va oltre il mio status di scrittrice.

Ho una seria dipendenza da caffeina – e questa è la mia storia.

La prima cosa che faccio la mattina, la vera prima cosa – è accendere il caffè. Qualunque cosa significhi. Dopo di che, posso andare a fare la pipì, fare colazione, salutare mio marito con parole di senso compiuto, et cetera. Non posso fare nient’altro prima che la caffeina entri in circolo. Il mio cervello non risponde a nessun input, prima.

Quando mi sono trasferita in Inghilterra non concepivo nessun altro tipo di caffè che non fosse l’amato espresso italiano*. In pratica, ero una tossico-dipendente da un solo tipo di droga.  Qualsiasi altra forma di caffeina mi faceva schifo. Ho scoperto molto presto che non ero schizzinosa, ma avevo solo un limite mentale (legato a una complessa reazione di stimoli, sinapsi e altre cose che non sono in grado di spiegare) .

Il caffè espresso contiene una quantità di caffeina differente rispetto ad altri tipi di caffè (caffè americano, French press, caffè istantaneo etc). La precisa quantità di caffeina che il mio cervello ha sempre avuto bisogno per funzionare, da quando avevo circa 13 o 14 anni.

Dato che non c’era traccia alcuna di nessuna caffettiera a Londra per farmi un espresso, mi piegai al caffè istantaneo, che ho scoperto successivamente avere una quantità inferiore di caffeina.
Dopo appena un paio di giorni di permanenza nel Regno, sono entrata in una specie di bolla di tristezza e pensieri negativi. Una specie di pessimismo cosmico. Tutti i nostri piani di farci una vita qui in Inghilterra mi sembravano stupidi e irraggiungibili. Il mondo è grigio il mondo è blu.
Inoltre, avevo sempre un potentissimo cerchio alla testa che mi stava facendo venire pensieri suicidi.
Non pensai minimamente che lo stato d’animo orrendo e la cefalea da elettroshock potessero essere legati al mio essere caffeinomane.

Ho bevuto il mio primo espresso in terra di Inghilterra 8 giorni dopo esservi atterrata. 30 minuti dopo averlo bevuto, ho iniziato di nuovo a vedere arcobaleni e mini pony. Il miracolo della caffeina colpì ancora.

Il potere della caffeina quando scrivi

Dimentica lo sterotipo dello scrittore amabilmente seduto su un patio, un lago tranquillo davanti a se, che sorseggia una tazza di caffè col laptop accesso. Un’immagine certamente molto bella per Instagram.

Ora immagina me, nell’unico giorno libero della settimana, spiaggiata sul divano del soggiorno in pigiama tipo otaria, marito che guarda il calcio nell’altro divano (e commenta a voce alta), un tempo orribile fuori, e i bambini del piano di sopra che corrono sopra la mia testa e giocano a bowling con le sedie.

  • Mi devo concentrare.
  • Non devo perdere il filo dei miei pensieri e della complicata trama che sto creando per il prossimo libro giallo di Chase.
  • Devo pensare che i bambini del piano di sopra non sono una mandria di gnu.
  • Devo percepire la voce di mio marito come rumore bianco.
  • E sì, ho le cuffie con della musica, ma questa musica mi piace troppo e mi distraggo e mi metto a cantare, devo cambiarla.
  • OK, quest’altra musica va bene, ma ora riesco a sentire tutto il casino generato dai punti di cui sopra.

In questo ameno contesto, il caffè è vitale. Mi aiuta a concentrarmi e ignorare il resto. Posso approfittare del mio status di caffeinomane! Posso fare leva sulla dipendenza da caffeina per dopare le mie celluline grigie! Che poi la caffeina è pure una sostanza dopante.

Quindi, dimentichiamo tutti insieme l’idea bucolica dello scrittore che beve caffè dalla sua bellissima tazza nella sua casa al lago perchè sta scrivendo. Gli scrittori usano (e abusano) il caffè perché sono caffeinomani. Hanno una dipendenza da caffeina, non possono lavorare senza. È più un bisogno che un piacere, e la vita è più colorata quando il caffè scorre potente nelle mie vene.

Non sei solo – e non devi smettere di essere caffeinomane

Questa è la storia della relazione che ho con il caffè. La società vuole che noi pensiamo che la dipendenza da caffeina è sbagliata, ma noi sappiamo che non è così. La dipendenza da caffeina è una benedizione.
Vorrei conoscere le storie di altri caffeinomani e/o scrittori che hanno una dipendenza da caffè come la mia. Se sei così, lascia un commento qui sotto e condividi la tua storia :)

Foto scattata a Corso, Sofia, Bulgaria 

Seguimi su Instagram!

*Non mi sono mai ringraziata abbastanza per essermi trasferita all’estero, anche per quanto riguarda il mio rapporto con il caffè. Fortunatamente ho mantenuto una mentalità aperta e ho abbracciato anche tutti gli altri tipi di caffè, scoprendo e sperimentando gusti oltre all’espresso che non altrimenti mi sarei persa! Ogni tipo di caffè va degustato e ‘usato’ in maniera differente, a seconda di bisogni e situazioni. Alla fine, da brava caffeinomane posso dire a voce alta che amo tutti i tipi di caffè del mondo, anche quello freddo e imbottigliato (il quale, se anche tu che leggi hai una dipendenza da caffè, devi assolutamente provare! ❤️

iPhone se and optical illusions

My new iPhone se has just arrived and my sister asked if I bought a pair of leather trousers. That's the sofa! 😂#shortgirlsproblems #girlswithmuscles #iphone #newiphone

From Instagram: “My new #iPhoneSe has just arrived and my sister asked if I bought a pair of leather trousers. That’s the sofa! 😂”

This is the funny story of me getting the new iPhone se and people looking at my lap.

I’m not an Apple fangirl, though my husband gave me an early birthday present and got me an iPhone se, which it’s been just released!

Since it’s the first time that I have something super-brand-new, I Instagrammed and tweeted it out with the pics you can see above.

My sister replied to me straight away. She completely skipped the iPhone and noticed a fancy clothes detail:

Oh well, did you buy leather trousers and you didn’t tell me anything! They look nice!

Errr… Nope!

That was in fact my sofa! Maybe due to the position from which I shot the picture, that would actually look like a leg. Optical illusion, ladies and gens!

Many other people told me the same on Twitter and Instagram, and explained to everybody that it is the lower part of my living room sofa and not my thigh! Funniest part of the thing: nobody commented about my iPhone se!

I never had anything so new and exclusive, yet it’s been put in a corner by an optical trick. D’OH!

I wish I had such long legs, however I have to live with my gymnast-shaped body (meaning bulky short legs).

I am considering the option of getting a pair of leather trousers, though!

Taken at London, United Kingdom

Follow me on Instagram!

Baby robot: genitori per 48 ore (ecco com’è andata)

La mia azienda ha fornito a tutti gli impiegati senza figli un neonato robot di 3 mesi da accudire durante il fine settimana. Ecco come è andato il mio weekend da mamma.

baby robot, esperimento sociale, maternità, genitori, essere genitori, diventare madre, simulazione genitoriTutti i giorni ho a che fare per lavoro con prodotti per neonati, bambini e madri. Conosco ormai qualsiasi termine e oggetto che non deve mancare in maternità e nei primi anni di un bambino. Eppure, non ho la minima idea di quello che le nostre clienti vivono ogni giorno, come se la cavano con i loro figli.

Così, Wauwaa ha consegnato a tutti gli impiegati senza figli un baby robot programmato per attivarsi alle 18:00 del venerdì, per spegnersi poi alle 10 della successiva domenica mattina.
I baby robot pesano circa 3,5kg e il loro peso è distribuito proprio come in un neonato vero, ossia con la testa più pesante del resto del corpo. Una volta ho detto che non ero pronta per fare la madre, e la cosa non è cambiata. Figuratevi con quanta gioia ho accolto questo bambolotto.

Assieme al baby robot ci sono stai forniti: un biberon, due pannolini e due braccialetti. Sia i pannolini che i braccialetti hanno un magnete che reagisce se appoggiato alla pancia del bambolotto, a simulare la voce del genitore che indica la sua presenza al bambino quando inizia a piangere. Inoltre, Babylonia ci ha fornito una comoda fascia porta-bimbi in cotone organico che mi sarebbe stata utile per muovermi fuori da casa (sì, ho avuto il coraggio di andare in giro per Londra con il baby robot).

Missione del fine settimana: non uccidere il baby robot. Siamo stati istruiti su come sostenere la testa del bambolotto – perché i neonati non hanno il collo abbastanza robusto per sostenerla da soli – e buona fortuna.

baby robot, essere genitori, esperimento sociale, essere madre, maternità, simulazione genitoriDato che il bambolotto non poteva assomigliare nè a me nè al mio partner, abbiamo deciso di mettergli qualcosa che ci rappresentasse entrambi. Il mio CEO ha riconosciuto subito il mio baby robot in mezzo a tutti gli altri. “Si vede proprio che tuo figlio è italiano”, mi ha detto, “É il meglio vestito.”
Il mio baby robot indossava una tutina Absorba e un cardigan Zip Zap fatto a maglia (con cappuccio strategico per nascondere il viso di plastica in giro). Il tocco del mio partner è stata una spilletta di WordPress, dato che Franz lavora per un’agenzia VIP di WordPress.

Stavo facendo FaceTime con i miei genitori quando il baby robot si è attivato. E ovviamente si è messo a piangere strillare. Forte.
Prima reazione: panico. Non ci aspettavamo che il baby robot si accendesse e piangesse subito. Ho avvicinato il braccialetto alla pancia, ma non reagiva. Volume del pianto del baby robot: +1000.
“Pannolino!” urlo a Franz, che mi passa il biberon perché non trova il pannolino.
Ok, il biberon va bene lo stesso: magari ha fame. Sbagliato. Volume del pianto del baby robot: +2000.
Franz trova il pannolino, me lo passa: nulla. Non funziona manco quello.
Livello panico: +3000. Volume del pianto del robot: +5000.
Intimo a Franz di chiudere FaceTime con i miei genitori, che nel frattempo erano entrati in una fase di apnea isterica per il troppo ridere. Prendo il baby robot in braccio che sembra calmarsi per qualche secondo, per poi aumentare il volume del pianto a +10000.

É andata così più o meno tutto il fine settimana. Abbiamo imparato in poco tempo a riconoscere i diversi pianti del baby robot: il pianto della fame è diverso da quello di quando vuole fare il ruttino o di quando si vuole cambiato.
A volte piangeva solo perché si voleva in braccio o cullato, proprio come un bambino vero.

Cosa ho imparato da questo fine settimana da robot madre?

essere padre, paternità, baby robot, esperimento sociale, diventare papà – I bambini ti cambiano la vita. E quando la gente lo dice, ho capito perché. Puoi fare esattamente le stesse cose che facevi prima dell’arrivo del neonato, solo che le fai diversamente. Anche una cosa banale come andare al pub con gli amici è stata un’esperienza diversa.
– Gli autisti degli autobus ti fanno salire anche se non sei alla fermata.

– La gente in metro o nei treni ti fa sedere, ma tante volte sono troppo distratti da altro (telefono, libri, o… sonno) che non ti notano.

– Non importa cosa fai o non fai, certe volte i bambini piangono senza motivo.

– Non importa che braccialetto hai, il baby robot si calma quasi sempre solo in braccio a Franz.

– Le madri hanno quelle facce lì perché non dormono. Non. Dormono. Mai.

– Se avessi mai avuto (ma non ne avevo) qualche dubbio sul mio percorso di vita con Franz, adesso ne ho zero. Un altro uomo non avrebbe preso mai sul serio questo esperimento, lui invece si è comportato proprio come se il baby robot fosse vero. Questo mi ha fatto capire che se un giorno avremo un bambino non robot potrò contare sulle sue braccia calmanti.

La cosa più importante, comunque, è che non abbiamo ucciso il baby robot, e siamo riusciti anche a non farlo mai piangere di dolore (es. non supportando la testa).
Domenica mattina il baby robot ha emesso un verso di gioia prima di spegnersi. Come se ci volesse ringraziare. E ci è venuta quasi la tristezza. Poi ci siamo ricordati la faccia preoccupata del signore affianco a noi al pub quando ho messo il baby robot sulla panca a faccia in giù e ci è passata la tristezza.