Identikit di un autentico campione / Identikit of an authentic champ

He is a hero. Really.

Ieri sera ho visto la prima puntata di “Ballando con le Stelle“. No, non sono diventata pazza d’improvviso, avevo le mie buone ragioni per vedere le nuove avventure dell’immarcescibile Milly Carlucci – che saluto, semmai mi leggesse. Il ballerino per una notte era un superman che adoro. Si chiama Oscar Pistorius. Se qualcuno di voi non sa chi diavolo sia Oscar Pistorius, date un’occhiata al video alla fine del post.

Avete visto bene: non ha le gambe. Per correre utilizza delle speciali protesi in fibra di carbonio. All’età di 11 mesi gli sono state amputate le gambe, dalle ginocchia in giù, per via di una brutta malattia. Oscar ha imparato a fare le faccende quotidiane senza gambe, o al massimo usando delle protesi mediche, senza dimenticare il suo amore per lo sport. Ne ha provato parecchi: pallanuoto, rugby, tennis. E poi ha incontrato l’atletica leggera, ed è nata una stella. Ha un primato personale di 45″07 nei 400 metri piani. Sfido un qualunque quattrocentista venticinquenne e ben allenato a correre quel tempo.
Oscar Pistorius è un fenomeno, un esempio che tutti dovremmo guardare e seguire, e prendere spunto da lui per le nostre cose di tutti i giorni, piccole e grandi.
Ha dimostrato al mondo che niente è impossibile, anche se non hai le gambe. Alla faccia di chi gli dice che quando corre imbroglia, perché con quelle protesi non sente la stanchezza. La IAAF gli ha concesso il permesso di correre con i normodotati, e Pistorius ci ha stupito.

Ogni volta che lo guardo correre o ballare, è una gioia infinita. Il corpo umano è una macchina perfetta, anche quando gli manca qualche pezzo. La parte più importante è il cervello, e la volontà di diventare chiunque si voglia essere nella vita.
Quando penso a Oscar Pistorius, mi sento orgogliosa per lui. E sono orgogliosa di lui. Quindi, Oscar, se stai leggendo queste righe, te lo devo proprio dire: tu sei un vero atleta. Sappilo.


Last night I watched  “Ballando con le Stelle” – the italian version of “Dancing with the Stars”. No, I’m not out of my mind, I had good reason for doing it. The special guest of  the evening was a superman which I adore. His name is Oscar Pistorius.
If you don’t have any idea who the hell is Oscar Pistorius, please have a look the video below.

Yes, he doesn’t have the legs. He uses a special carbon fibre artificial prothesis devices. When he was 11 month, he lost his legs from the knees downwards. He learnt to do daily routines without legs (or with medical devices).
He has always been a sport lover: water polo, rugby, tennis, until he met athletics. Then he began a star. His personal best on 400m is 45″07. I challenge every 25-years-old athlets specialist in 400m to run 45″07. Oscar Pistorius is a phenomenon, and he’s a real example for everybody. He demonstrates to the world that everything is possible, even if you don’t have your legs, despite people who said that you are cheating, because you “wear” a prothesis device that dont’ make you feel the tiredness.
IAAF has given him the leave to run with normal athlets. And Oscar wows us.

Everytime I watch him running or dancing is a joy. Human body is a perfect machine, even when something missed. The most important part of the body is the brain. And the will of being what you wanna be.
I’m very proud of Oscar Pistorius, even if he doesn’t know. So, Oscar, if you are reading these lines, I’m gonna tell you: you are an athletic champ. I just have to let you know.

Photo credit by Elvar Freyr