Intervista a un’operatrice Tapping EFT / Tell the Tapping EFT practitioner

Tapping EFT punti picchiettamento

Clicca sull’immagine per ingrandire

Mai sentito parlare di Tapping o EFT? No, la chitarra elettrica non cʼentra. É una tecnica che fa leva sulle nostre energie negative per risolvere un problema. Io lʼho provato dopo tutta la storia della mia anca. Allʼinizio non ci credevo, ma devo dire che funziona. Ho quindi deciso di dedicare alcuni post al Tapping, iniziando da unʼintervista allʼoperatrice Tapping Domizia Parri (che già ha scritto qualche altro guest post per il Daily Pinner). Seguono poi il Tapping per gli occhi stanchi e il Tapping durante gli infortuni sportivi, non perdeteveli!

Ciao Domizia, innanzitutto spiegaci cos’è il Tapping e a cosa serve.
Ciao, molto volentieri. Il Tapping o EFT (Emotional Freedom Technique) è una tecnica energetica che deriva dall’agopuntura e che si usa per “resettare” qualsiasi squilibrio fisico o emotivo. Si tratta di una tecnica molto semplice e veloce da imparare. Il principio base dice che le sensazioni negative sono legate a dei blocchi di energia che permangono dentro di noi. Questi blocchi mantengono “attive” le energie negative, e per liberarcene dobbiamo stimolare i punti energetici del nostro corpo picchiettandoli con la punta delle dita.
Gary Craig, il fondatore dellʼEFT, suggerisce di provare il Tapping su tutto: fobie, attacchi di ansia, dolori fisici, stress, insonnia, incubi, scarsa memoria, problemi a socializzare, elaborazione di lutto, sbalzi dʼumore. Spiego dettagliatamente come si fa il Tapping nel mio blog.

Il Tapping ha dei fondamenti scientifici?
Il Tapping si applica su 15 punti selezionati tra gli oltre 800 dellʼagopuntura. I punti sono localizzati lungo i canali di Bonghan, dei “meridiani” che attraversano il nostro corpo. I canali sono sottilissimi e contengono per lo più acido ialuronico. Tramite lʼapplicazione di aghi (nellʼagopuntura) o del picchiettamento (come nel Tapping), sui 15 punti (che sono gli “sbocchi” dei canali) si migliora la funzionalità di questi meridiani, alleviando così molti problemi di natura fisica ed emotiva. Ci sono diversi studi di medicina sui canali di Bonghan, li trovate tradotti nel mio blog nella categoria “Studi scientifici”.

A prima vista può sembrare una tecnica troppo rapida e superficiale per funzionare bene…
Non è superficiale, anche se è rapida, perché agisce direttamente sui nostri meridiani energetici. Le sensazioni negative sui cui lavoriamo con il tapping sono legate a dei blocchi energetici; per liberarcene, bisogna stimolare i punti energetici più forti del corpo, picchiettandoli con la punta delle dita. Nel frattempo, il concentrarsi sulla sensazione negativa in questione aiuterà a eliminare la sensazione negativa. Anche una sola “seduta” di Tapping può risolvere dei problemi; lʼideale sarebbe farlo ogni giorno, per risultati davvero incredibili. Immaginate questi canali energetici come la vostra stanza preferita: se volete mantenerla in ordine bisogna spolverare e arieggiare tutti i giorni, altrimenti vi ritroverete a fare un gran lavoro per rimetterla in sesto!

Non è “pericoloso” concentrarsi troppo sugli aspetti negativi?
In realtà è proprio focalizzandosi sugli aspetti negativi che il Tapping funziona, sbloccandoli prima ed eliminandoli poi. É necessario avere ben chiari i problemi da trattare con il Tapping, enunciandoli ad alta voce mentre si picchietta. In questo modo si indirizza su di essi la “riprogrammazione” energetica del picchiettamento. Non puoi pulire una stanza senza guardare dove sia lo sporco. Naturalmente dopo questa prima parte di “pulizia” possiamo continuare a picchiettarci con delle affermazioni positive: è come portare in una stanza pulita un bel vaso fiorito!

Cosa ti ha spinto a studiare Tapping?
Come spesso accade, un fatto personale. Pratico salto ostacoli da anni, e nella primavera del 2012 ho iniziato a soffrire inspiegabilmente (dal momento che non ero caduta) di sintomi da panico in allenamento: ad ogni salto iniziavo a sudare freddo, avere nausea, iperventilazione, tachicardia, giramenti di testa. Ho infine cercato su Google un possibile rimedio e mi sono imbattuta nel Tapping. Ho subito sperimentato e nel giro di pochi giorni ero di nuovo in grado di saltare.

Fare Tapping da soli è efficace quanto farlo con un operatore?
Facendo Tapping da soli è sicuramente possibile affrontare e risolvere i propri problemi, tuttavia un operatore è in grado di indirizzare una persona verso determinati blocchi, che possono essere allʼorigine dei problemi vissuti e che spesso da soli non si è in grado di affrontare.

Quanti minuti deve durare il Tapping?
Di solito quando senti che le cose negative su cui stai picchiettando stanno scomparendo, è ora di fare un giro finale di affermazioni positive e gratitudine. Può durare 5 minuti come unʼora, a seconda di ciò su cui si sta picchiettando.

Ho letto di persone che piangono0 le prime volte che si fa Tapping: è un brutto segno?
É normalissimo piangere: è un modo del corpo di sfogare lʼenergia (che si sta sbloccando). Non succede per forza a tutti, ma può capitare. Diciamo che è un buon segno: significa che il Tapping sta funzionando. Altri segni sono: sbadigli, sospiri profondi improvvisi, stanchezza. In effetti buttare fuori la tensione può lasciarti con una sensazione di svuotamento, certe volte.

Infine: bisogna crederci perché funzioni?
Assolutamente no. Si può essere benissimo scettici, proprio come con uno sciroppo per la tosse: non serve credere nella sua efficacia perché agisca, giusto? Lo assumi e lasci che faccia il suo “lavoro”. Io stessa confesso di non averci cred molto, inizialmente. Poi però mi sono detta: proviamo. Piuttosto che prendere un farmaco o rimanere tutta la giornata arrabbiata! E funziona…! ;)

Domizia Parri Tapping per tuttiDomizia Parri ha quasi 40 anni, si definisce madre e lettrice compulsiva. Appassionata di equitazione e cultura africana, ha una laurea in Lettere e ha lavorato nell’industria musicale indipendente. Per passione dipinge e insegna inglese. Insomma, non si annoia. Da quando ha scoperto l’efficacia del Tapping lo prova per qualsiasi cosa, dall’herpes agli incubi, con risultati che la entusiasmano. Nel gennaio 2013 ha seguito il corso di 1 e 2 livello (certificato da AAMET) tenuto da Andrew Lewis, formatore di fama internazionale, prendendo poi parte ad alcuni webinar come relatrice. Il suo blog, Tapping per tutti, si trova anche su Google Plus e Youtube.

 

 

 

 

 

Tapping EFT point charts

Click to enlarge – Scroll the article to read the legend

Have you ever heard of Tapping? No, electric guitar is not involved. It’s a technique that targets negative energies to solve a problem. I tried it on myself because of my hip joint problem. At first I did not believe it was going to help, but I have to say that it works. I then decided to devote some posts to Tapping, starting from an interview with Tapping practitioner Domizia Parri (who has already written a few guest posts for the Daily Pinner). Check also Domizia’s guest posts about treating tired eyes with Tapping and treating sport injuries with Tapping.

Hello, Domizia. Firstly, tell us what Tapping is and what does it work for.
Hello, I’m very happy to do so. Tapping or EFT (Emotional Freedom Technique) is an energy technique derived from acupuncture. It’s used to “reset” any physical or emotional imbalance. It is a very simple technique, and quick to learn. The basic principle states that negative feelings are related to energy blocks within us. These blocks keep negative energies “active”, and to get rid of them we stimulate energy points in our body, tapping on them with the tip of our fingers.
Gary Craig, the founder of EFT, suggests to try on everything: phobias, anxiety attacks, physical pain, stress, insomnia, nightmares, poor memory, social anxiety, elaboration of mourning, mood swings.

Has Tapping any scientific bases?
Tapping is applied to 15 acupuncture points, selected from over 800. Those points are located along the canals of Bonghan, aka “meridians”, that run through our body. These channels are very thin and contain mostly hyaluronic acid. Through the application of needles (in acupuncture) or stimulation with fingers (as in Tapping), on 15 main points (which are the “outlets” of the channels) the functionality of these meridians improves, thus alleviating many physical and emotional problems.

At first glance, it may look like too rapid and shallow technique to work well …
It’s not superficial, even if it does work fast, because it acts directly on our energy meridians. Negative feelings that we target with Tapping are linked to energy blocks, so to get rid of them both, you must stimulate the stronger energy points of the body, tapping on them with the tip of your fingers. Meanwhile, keeping the focus on the negative feeling will help eliminate it. Even one Tapping session can solve relevant problems; it would be best to do it every day, that way the results are truly amazing. Imagine these energy channels as your favorite room: if you want to keep it tidy you must do the dusting and airing every day, otherwise you’ll be needing a lot of work to get back on track!

Isn’t it “dangerous” to focus too much on the negative aspects?
It’s actually focusing on the negative aspects that the Tapping works, unblocking them first and then deleting them. It is necessary to be clear about the problems to be dealt with Tapping, speaking them aloud while tapping. In this way, you address them specifically, ‘reprogramming’ your energy. You cannot clean a room without looking at the dirt, can you? Of course, after this first part of “cleaning” we can keep Tapping with positive affirmations: it’s like bringing in a clean room a nice bunch of fresh flowers!

What prompted you to study Tapping?
As it often happens, it was a personal issue. I’ve been an amateur horse rider and show jumper for years, and in the spring of 2012 I started suffering inexplicably (because I never fell from a horse) of panic symptoms during my show jumping training: I broke in a cold sweat, felt nausea, hyperventilation, tachycardia, dizziness. I finally googled for a possible remedy, and I came across Tapping. I immediately tried it out and in a few days I was able to jump my horse again.

Is Tapping by yourself as effective as doing it with a practitioner?
Tapping on your own is certainly a great way to address and solve many problems, however, a practitioner is able to help a person face certain blocks, which can be the origin of the problems experienced. Often one is not able to deal with certain deep issues without the guidance of an expert Tapper.

How many minutes should a Tapping session last?
Usually when you feel negative thoughts or feelings disappear as you tap, it’s time for a final round of positive affirmations and gratitude. It can last from 5 minutes up to an hour, depending on what you are tapping about.

I read that some people cry the first few times they try Tapping: it is a bad sign?
It is normal to cry, at first, it’s a way to vent the energy out of the body as it unblocks. It does not happen necessarily, but it does happen. Anyway it’s a good sign: it means that the Tapping is working. Other good signs are: yawning, deep sighs, sudden fatigue. In fact, throwing away an emotional block or burden can leave you with a feeling of emptiness, sometimes.

Finally: do you have to believe in Tapping, for it to work?
Absolutely not. You may well be skeptical, just as with a cough syrup: there’s no need to believe in its effectiveness, it works on your body anway, right? You just let it do its “work”. I myself must confess that I do not believe much, initially, when I do my self Tapping on new issues, even though by now I’ve used it to solve so many problems both physical and emotional! But then I say to myself, okay, let’s try EFT… rather than taking a drug or stay angry all day! And every time, to my amazement, I find that it works … ;-)

IMAGE LEGEND:
1: Karate Chop
2: Top of the Head
3: Beginning of the Eye Brow
4: Side of the Eye
5: Under the Eye
6: Under the Nose
7: Chin
8: Beginning of the Collar Bone
9: Under the Arm
10: Below Nipple
11: Thumb
12: Index Finger
13: Middle Finger
14: Baby Finger
15: Gamut point (It is found on the back of either hand and is about 15mm behind and between the knuckles at the base of the ring finger and the little finger).

  • Brad Yates is quite famous world-wide for his guided EFT videos on youtube.
    I particularly like this one about releasing pain and discomfort:

    • Martina did it work on you?

      I had great feedback while trying EFT. I don’t know if it’s working on my mind or something, but I don’t care how it works ;)

      • Domizia Parri

        Martina, I’m so glad you mentioned Brad Yates, I’m a huge fan!
        His videos are super, I “use” them a lot, and they work wonders for me (yes Stefania, no matter “how” :D)

  • Camilla

    Pinny riesci sempre a trovare cose interessanti di cui parlare!
    Il tapping non lo avevo mai sentito! Adesso però ho un po’ di domande… ma ci si picchietta con due dita, o con un dito solo? E poi, bisogna fare tapping sul lato dx del corpo, sul lato sx, su entrambi in contemporanea, prima uno poi l’altro…?
    Sono curiosa! :)

    Eheh!
    Ciao,
    Camilla

    • Cami, ne so una più del diavolo! :D

      Credo che Domizia ti saprà dare risposte migliori delle mie… Attendiamo l’esperta! ;)

      • Domizia Parri

        Ciao Camilla,
        puoi picchiettarti benissimo con un dito solo (in genere si usa l’indice, o l’indice e il medio insieme). E puoi picchiettare un lato solo del corpo, a piacere, magari alternandoli; oppure picchiettare entrambi i punti simmetrici con le dita della mano corrispondente.
        Dai un’occhiata magari ai video sul mio canale YouTube (http://www.youtube.com/channel/UCoZuMLuOGQoP_M-vjd3u0yw/videos) o cerca “EFT” su YouTube: troverai un sacco di spunti!

  • Pingback: Tapping EFT per occhi stanchi / EFT Tapping for tired eyes | Daily PinnerDaily Pinner()

  • Pingback: Infortuni sportivi, guarire con il Tapping/Treating sport injuries with TappingDaily Pinner()

  • Pingback: Intervista EFT/Tapping, Domizia Parri sul DailyPinner | Tapping per tutti()