Quando si sbarra la porta allo sport: storia di una diatriba / When sport is “barred”: story of a struggle

Did you say 'sport'? Oh, no way dude.

Cosa succede quando il Comune di una città rema contro le attività sportive, invece di sostenerle? Può sembrare grottesco e controproducente, visto che lo sport è sempre stato considerato – a tutti i livelli – un autentico plusvalore per le città e la società in generale, dato che è un forte veicolo di promozione culturale e non solo. Purtroppo, nella nostra “piccola” Italia questi qui pro quo capitano tutti i giorni, e le società sportive spesso non possono fare molto.

Questa è la storia di una manciata di società sportive in diatriba con il Comune di Perugia per colpa di una sbarra “contesa”. Una spiacevole storia che ho riportato per IlGrillotalpa. É proprio vero che, a volte, dalle cose più piccole nascono i problemi più grandi.


What happens when a city hall interferes into a sport activities instead of supporting them? It could seem a little grotesque since sport is commonly considered as a value for cities and society for its flair for promoting cultural habits and other worths and social orientations. Unfortunately in our “little” Italy these things happen everyday and sport clubs cannot do so much.
This is the story of a couple of sport clubs in struggle with the city of Perugia, because of a “contended” bar. It’s so true that huge issues sometimes are born from small things.

Since the article is in Italian only – and sorry about it, if you have the pleasure to read it just marry Google Translate and honeymoon in IlGrillotalpa‘s website. Enjoy!

Advertisements