40 anni

Mentre mi avvicinavo al traguardo dei 40 anni, mi sono ritrovata a riflettere sul viaggio che mi aveva condotto fino a questo punto. Sembra ieri quando ho intrapreso l’avventura di trasferirmi in un nuovo Paese, lontano dal conforto familiare e dai posti in cui sono cresciuta e ho studiato. Eppure, in questi ultimi dieci anni e poco più, ho costruito una vita piena di amore, scopo, e senso di appartenenza.

Stef prima di compiere 40 anni

Nonostante la lontananza dagli amici più cari e dalla famiglia, mi sono integrata perfettamente nel Paese che ho scelto come casa. Ho accettato con entusiasmo la cultura locale, abbracciandone usanze e tradizioni, e fondendole con quelle sarde e italiane. Nonostante le difficoltà, sono rimasta forte e determinata, abbiamo stretto i denti, e il mio spirito non è stato indebolito dalle sfide incontrate – al contrario.

Durante i mesi prima di compiere 40 anni, non ho potuto fare a meno di provare una sensazione di apprensione riguardo al passare del tempo. L’invecchiamento è sempre stato un concetto con cui non sono mai andata d’accordo, un promemoria della natura effimera della vita. Eppure, con il passare degli anni, ho imparato (o meglio, sto provando ad accettare con serenità) che l’invecchiamento non è un peso, ma un grande privilegio da custodire. Ancora non mi piace sapere che il mio apice sia già passato, perché sento di non averne tratto il meglio e avrei potuto fare di più.

Nel mezzo delle mie paure, sto gradualmente trovando scintille di rassicurazione. La mia passione per lo sport e lo stare bene fisicamente e mentalmente ha mantenuto il mio corpo forte e agile, sfidando gli stereotipi di cosa significasse avere 40 anni. La mia corporatura minuta nasconde la forza interiore e la determinazione che mi ha guidato attraverso le sfide della vita, che si trattasse di guarire da un infortunio cronico durato cinque anni, sollevare il doppio del mio peso corporeo, resistere alle tempeste dei trattamenti per l’infertilità, accettare una devastante (mentalmente) menopausa precoce, o superare una pandemia mondiale con una neonata di quattro mesi – senza avere nessuna idea su come navigare entrambe le cose.

Non sarei potuta riuscire in tutto questo senza il sostegno e l’amore incondizionato del mio copilota nella vita, Franz. Non credo nelle anime gemelle, nel destino e in simili sciocchezze, ma se lo facessi, Franz rappresenterebbe tutto questo. Sono grata ai membri della famiglia che mi sono sempre stati vicini – prima di tutto mia sorella Sara – così come a quegli amici di una vita (e nuovi!) che sono sempre qui per me anche quando non ci sentiamo da un secolo. Voi sapete bene chi siete, non ho bisogno di nominarvi.

Mentre celebro il traguardo dei 40 anni circondata dal calore dei Franzischeddi, non posso fare a meno di provare un senso di gratitudine per la vita che ho costruito. Che abbiamo costruito.

Apparentemente, compiere 40 anni è un grande traguardo, e la gente continua a dire che i quaranta sono i nuovi trent’anni. Mah. Nonostante l’inevitabile passare del tempo e le mie paure a riguardo, so che il viaggio racchiude promesse e possibilità, che sono diverse da quelle che ho affrontato e vissuto quando avevo venti e trent’anni. Prometto a me stessa che mi concentrerò sullo sconfiggere i sabotatori della mia mente e imparerò a controllare il mio peggior nemico: il perfezionismo. Lo devo a me stessa, alle lotte che mi hanno reso la persona forte che sono, a mio marito e a mia figlia.

L’altro giorno Franz mi ha chiesto quale motto avrebbe la nostra famiglia se dovessimo averne uno, ecco la mia proposta: semper prorsum. Sempre avanti.

Ad ogni passo che faccio, sono determinata ad abbracciare le avventure della vita, aggrappandomi alla resilienza, all’amore, e ad uno spirito incrollabile. E alla pizza.

2 comments

  1. In ritardo, ma auguri di cuore!
    Negli anni le esperienze si accumulano e le prove diventano difficili. Sono i nostri affetti e la nostra grinta a permetterci di superarle.

    Speriamo di rivederci presto di persona, se tornate in Puglia magari è più veloce

Have something to add? Leave a Reply!

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.